martedì 8 maggio 2012

Canto di maggio


fraseggio consonante con Daìta Martinez



. fino allora ripetendo ore ai tavolini o sottili capelli sfogliati intorno
al bicchiere che ridevamo scrivendo il tempo giallo un gradino
appoggiava il sole alle parole separate un salto oggi .


e che mi dici delle confessioni ataviche o dei gerundi
sull'orlo dei discorsi mentre al gradino anche s'appoggiava
l'arco normanno, bilancia erudita della menta e                                              
dei coriandoli a febbraio...  

                                                                                                                     dico minuti parlati gesti la menta                                                                                                        
curata virgola di terra le tasche

cielo chiaro sulle dita
fotografo notturno il piano
svolge tutte le sue carte
nella kasbah riduce il soccorso
alla parola. ah melomane assonnato
e bancali di strategica natura
sventola il cartello delle fragole
insorte sulle mappe  e la misura
punta l’indice alla guglia

un suono perde fibre e si riprende
sole sui bassi marmi corone esaudite
coro di spade e poesia limpido
diadema di parola nel porfido silenzio

dal fondo sale un canto senza avanzi
di rossi o siepi a lato delle panche     

                                                                                                                              “nasciu (u suli!) nasciu.” *




* da " Daìta Martinez - (dietro l'una)" Ed. LietoColle 2011 - Como
                                                                                                



4 commenti:

sebastiano ha detto...

Sentito resoconto di un giorno a Palermo con Daìta, Angela Greco e famiglia e una città dalle braccia grandi. (e la bella normanna).

Anonimo ha detto...

da rimanere muti ad ascoltarti, aspettando il sole che nasce ancora...
sei riuscito a scorgere anche oltre il dicibile di quella splendida serata a Palermo! raramente ammetto di non avere parole...meraviglioso!! grazie ancora per ogni cosa e sopratutto per la tua presenza accanto, ti abbraccio
Angela Greco

Anonimo ha detto...

la parola incontra l'aria e la rende terra e materia-scrittura

elina

Giuseppe Barreca ha detto...

Che bei pezzi, una giornata proficua